Cottonforlife’s farmers meet fashion brands and retailers


Passione, perseveranza e partnership –   tre parole chiave che hanno portato il nostro programma Cottonforlife ad essere un volano di cambiamento e miglioramento per il settore cotoniero egiziano.


Nei primi giorni di ottobre abbiamo raccolto i frutti del duro lavoro e di tanta passione che da sempre costituiscono i presupposti per l’avanzamento del nostro programma di sostenibilità Cottonforlife. Insieme  all’UNIDO e all’iniziativa  “The Egyptian Cotton Project” e in collaborazione con la Cotton Egypt Association, abbiamo condiviso preziosi momenti con i contadini egiziani, importanti brand della moda internazionali e diversi attori del settore tessile e moda.  A Kafr El Sheicknel Delta del Nilo, abbiamo celebrato la prima raccolta di cotone egiziano coltivato, in fase sperimentale, secondo il sistema del Better Cotton. Rappresentanti di Christian Dior Couture, Stella McCartney, Hugo Boss, Marks & Spencer’s, John Lewis e Macy’s hanno incontrato i contadini e i piccoli agricoltori che hanno intrapreso la sfida della sostenibilità, adottando pratiche agricole innovative e best practices di raccolta per ridurre i rischi di contaminazione. I produttori e i traders di cotone coinvolti nell’iniziativa hanno adottato la zero tolerance per il lavoro minorile e garantiscono la totale tracciabilità delle fibre.

In quest’ottica e per promuovere una filiera del cotone trasparente e tracciabile, abbiamo invitato i nostri ospiti a ripercorrere tutto il processo di trasformazione della fibra in filato, presso la nostra partecipata in Egitto, Filmar Nile Textile. Qui i nostri partner hanno potuto toccare con mano e vedere in prima persona come i filati Filmar vengono realizzati, attraverso tecnologie green all’avanguardia e nel rispetto dei principi di una moda priva di sostanze chimiche in linea con la campagna DETOX e il Programma ZDHC.
Per promuovere il valore di una partnership globale a sostegno di un’industria del cotone socialmente inclusiva e responsabile, abbiamo partecipato ad una tavola rotonda, organizzata da UNIDO in collaborazione con Filmar e la Cotton Egypt Association, durante la quale il ruolo pionieristico di Filmar per aver attivato l’iniziativa Cottonforlife è stato unanimamente riconosciuto e lodato. Importante la partecipazione al dibattito del CEO di BCI, Alan McClay che ha confermato l’interesse e la disponibilità della Associazione da lui presieduta a sostenere l’avvio della produzione di Better Cotton in Egitto. Nel prendere la parola, il Presidente di Filmar Nile Textile Enrico Marzoli ha confermato che la domanda di BCI e cotone biologico è in costante aumento e per questo ha sottolineato come i principi fondamentali, relativi a diritti umani, standard lavorativi e tutela dell'ambiente siano tematiche imprescindibili per tutti coloro che vogliono essere competitivi sul mercato. Il Sig Marzoli ha inoltre incoraggiato i policy makers egiziani a rafforzare i servizi logistici a fronte dell’importanza di garantire tempi di consegna veloci ai propri clienti come fonte di vantaggio competitivo. Temi affrontati durante il dibattito sono stati vari, tra i quali innovative soluzioni di blockchain per la tracciabilità e per garantire ai brands e retailers opportunità di  story telling e possibili collaborazioni tra brands e retailers e Cottonforlife/Progetto UNIDO per garantire continuo sostegno ai produttori di cotone egiziano sostenibile.

@ph UNIDO/Magued Sinot